Biografia di Arnold Ehret

Arnold Ehret

Arnold Ehret nacque il 27 Luglio 1866, in Germania, nei pressi di Friburgo. S’interessò fin da ragazzo di fisica e chimica. Ehret ricevette la sua educazione in una scuola superiore. Le lunghe camminate per andare e tornare dalla scuola aggiunte al pesante lavoro nei campi (ovviamente il giovane Ehret seguiva una dieta ordinaria) gli causarono gravi attacchi di catarro bronchiale. Nonostante questo handicap si laureò con onore.

 

A 22 anni, nel 1887, Ehret, laureatosi come professore di disegno, fu chiamato a prestare servizio di leva nell’esercito ma congedato poco dopo per disturbi cardiaci. Nel 1897, Ehret a 33 anni, gli venne diagnosticato il Morbo di Bright (una malattia renale). All’epoca questo era solo un termine che indicava genericamente l’insieme delle nefriti, alcune mortali, altre no. Ehret pensò di ottenere la guarigione mediante metodi naturali e decise, in questo senso, di perseguire la pratica del digiuno che aveva avuto modo di osservare altrove.

Nel 1899 Ehret, si recò a Berlino per studiare il vegetarianismo; poi ad Algeri, dove fece esperimenti con il digiuno e la dieta di frutta. Con questo suo nuovo stile di vita Ehret afferma che riuscì a guarirsi e agli inizi del nuovo secolo aprì una “clinica” ad Ascona, Svizzera, dove trattò e sostenne di guarire migliaia di pazienti considerati incurabili.

Agli inizi del Novecento, Ehret s’impegnò in una serie di digiuni, controllato da funzionari tedeschi e svizzeri: in un periodo di 14 mesi, completò un digiuno di 21 giorni; uno di 24; uno di 32; ed infine, uno di 49 giorni. Tenne conferenze in tutta Europa. Il nome Arnold Ehret, cominciò a essere famoso e suscitare molto interesse.

Nel 1914 Ehret fu invitato negli Stati Uniti da Benedict Lust, medico pioniere del metodo ‘igienista’. Partì il 27 giugno da Brema e il 6 luglio sbarcò dal transatlantico “George Washington”, a Ellis Island. Da lì,Ehret si recò in California, dove tenne conferenze e corsi sul suo sistema di guarigione della dieta senza muco. Il 9 ottobre del 1922, Ehret all’età di 56 anni, fu vittima di un fatale incidente. Come riportato da un suo studente, Fred Hirsch una sera nebbiosa pare scivolò su un marciapiede, causandosi una frattura alla base del cranio.

Hirsh testimoniò di non averlo visto cadere ma di averlo trovato già a terra, particolare che ancora oggi fa nascere il dubbio che non si sia trattato di un incidente. Ehret stava conseguendo grandi successi di guarigione con il nuovo stile di vita che proponeva, e i sostenitori della tesi che non si sia trattato di un incidente affermano che le industrie della carne, dei prodotti lattiero-caseari, le case farmaceutiche, oltre alla classe medica, si sentivano minacciate da un sistema di guarigione che escludeva i loro prodotti e servizi. A causa di questi fattori molti credono che forti interessi economici abbiano avuto un ruolo nella morte prematura di Ehret.


Biografia di Arnold Ehret

Arnold Ehret

 

Arnold Ehret nacque il 27 Luglio 1866, in Germania, nei pressi di Friburgo. S’interessò fin da ragazzo di fisica e chimica. Ricevette la sua educazione in una scuola superiore. Le lunghe camminate per andare e tornare dalla scuola aggiunte al pesante lavoro nei campi (ovviamente il giovane Ehret seguiva una dieta ordinaria) gli causarono gravi attacchi di catarro bronchiale. Nonostante questo handicap si laureò con onore.

 

A 22 anni, nel 1887, laureatosi come professore di disegno, fu chiamato a prestare servizio di leva nell’esercito ma congedato poco dopo per disturbi cardiaci. Nel 1897, a 33 anni, gli venne diagnosticato il Morbo di Bright (una malattia renale). All’epoca questo era solo un termine che indicava genericamente l’insieme delle nefriti, alcune mortali, altre no. Ehret pensò di ottenere la guarigione mediante metodi naturali e decise, in questo senso, di perseguire la pratica del digiuno che aveva avuto modo di osservare altrove.

Nel 1899 si recò a Berlino per studiare il vegetarianismo; poi ad Algeri, dove fece esperimenti con il digiuno e la dieta di frutta. Con questo suo nuovo stile di vita egli afferma che riuscì a guarirsi e agli inizi del nuovo secolo aprì una “clinica” ad Ascona, Svizzera, dove trattò e sostenne di guarire migliaia di pazienti considerati incurabili.

Agli inizi del Novecento, s'impegnò in una serie di digiuni, controllato da funzionari tedeschi e svizzeri: in un periodo di 14 mesi, completò un digiuno di 21 giorni; uno di 24; uno di 32; ed infine, uno di 49 giorni. Tenne conferenze in tutta Europa.

Nel 1914 fu invitato negli Stati Uniti da Benedict Lust, medico pioniere del metodo ‘igienista’. Partì il 27 giugno da Brema e il 6 luglio sbarcò dal transatlantico “George Washington”, a Ellis Island. Da lì, si recò in California, dove tenne conferenze e corsi sul suo sistema di guarigione della dieta senza muco. Il 9 ottobre del 1922, all'età di 56 anni, fu vittima di un fatale incidente. Come riportato da un suo studente, Fred Hirsch una sera nebbiosa pare scivolò su un marciapiede, causandosi una frattura alla base del cranio.

Hirsh testimoniò di non averlo visto cadere ma di averlo trovato già a terra, particolare che ancora oggi fa nascere il dubbio che non si sia trattato di un incidente. Ehret stava conseguendo grandi successi di guarigione con il nuovo stile di vita che proponeva, e i sostenitori della tesi che non si sia trattato di un incidente affermano che le industrie della carne, dei prodotti lattiero-caseari, le case farmaceutiche, oltre alla classe medica, si sentivano minacciate da un sistema di guarigione che escludeva i loro prodotti e servizi. A causa di questi fattori molti credono che forti interessi economici abbiano avuto un ruolo nella sua prematura morte.


Biografia di Arnold Ehret

Arnold Ehret

 

Arnold Ehret nacque il 27 Luglio 1866, in Germania, nei pressi di Friburgo. S’interessò fin da ragazzo di fisica e chimica. Ricevette la sua educazione in una scuola superiore. Le lunghe camminate per andare e tornare dalla scuola aggiunte al pesante lavoro nei campi (ovviamente il giovane Ehret seguiva una dieta ordinaria) gli causarono gravi attacchi di catarro bronchiale. Nonostante questo handicap si laureò con onore.

 

A 22 anni, nel 1887, laureatosi come professore di disegno, fu chiamato a prestare servizio di leva nell’esercito ma congedato poco dopo per disturbi cardiaci. Nel 1897, a 33 anni, gli venne diagnosticato il Morbo di Bright (una malattia renale). All’epoca questo era solo un termine che indicava genericamente l’insieme delle nefriti, alcune mortali, altre no. Ehret pensò di ottenere la guarigione mediante metodi naturali e decise, in questo senso, di perseguire la pratica del digiuno che aveva avuto modo di osservare altrove.

Nel 1899 si recò a Berlino per studiare il vegetarianismo; poi ad Algeri, dove fece esperimenti con il digiuno e la dieta di frutta. Con questo suo nuovo stile di vita egli afferma che riuscì a guarirsi e agli inizi del nuovo secolo aprì una “clinica” ad Ascona, Svizzera, dove trattò e sostenne di guarire migliaia di pazienti considerati incurabili.

Agli inizi del Novecento, s'impegnò in una serie di digiuni, controllato da funzionari tedeschi e svizzeri: in un periodo di 14 mesi, completò un digiuno di 21 giorni; uno di 24; uno di 32; ed infine, uno di 49 giorni. Tenne conferenze in tutta Europa.

Nel 1914 fu invitato negli Stati Uniti da Benedict Lust, medico pioniere del metodo ‘igienista’. Partì il 27 giugno da Brema e il 6 luglio sbarcò dal transatlantico “George Washington”, a Ellis Island. Da lì, si recò in California, dove tenne conferenze e corsi sul suo sistema di guarigione della dieta senza muco. Il 9 ottobre del 1922, all'età di 56 anni, fu vittima di un fatale incidente. Come riportato da un suo studente, Fred Hirsch una sera nebbiosa pare scivolò su un marciapiede, causandosi una frattura alla base del cranio.

Hirsh testimoniò di non averlo visto cadere ma di averlo trovato già a terra, particolare che ancora oggi fa nascere il dubbio che non si sia trattato di un incidente. Ehret stava conseguendo grandi successi di guarigione con il nuovo stile di vita che proponeva, e i sostenitori della tesi che non si sia trattato di un incidente affermano che le industrie della carne, dei prodotti lattiero-caseari, le case farmaceutiche, oltre alla classe medica, si sentivano minacciate da un sistema di guarigione che escludeva i loro prodotti e servizi. A causa di questi fattori molti credono che forti interessi economici abbiano avuto un ruolo nella sua prematura morte.